Parmigiano Reggiano e felicità

Montanari e Gruzza cover

La storia di Montanari e Gruzza comincia a metà del secolo scorso, nella valle dove le province di Parma e Reggio Emilia si congiungono.

I fondatori compresero fin da subito le potenzialità del buon latte che si produceva in questa terra e che attualmente genera uno dei più grandi prodotti caseari della storia dell’uomo: il Parmigiano Reggiano.

Il latte è prodotto da bovine alimentate secondo un preciso disciplinare che prevede l’utilizzo di foraggi locali e di mangimi vegetali, vietando tutti i foraggi insilati e gli alimenti di origine animale. Il latte viene portato entro due ore in caseificio dalla mungitura dove viene utilizzato crudo, senza l’aggiunta di alcun additivo e senza alcun trattamento termico.

Montanari e Gruzza Parmigiano

“Qual è la cosa più importante che avete imparato nel vostro mestiere?” L’umiltà dell’uomo nei confronti del Parmigiano Reggiano, la cui grandezza è insormontabile.”  – Gabriele Montanari

 

 

Il legame tra Montanari e Gruzza e il Parmigiano Reggiano è un legame così forte da divenire famigliare.

Parmigiano Reggiano e felicità.

Sì, perché per chi come loro viene da questa terra, da questo fazzoletto di qualche chilometro che profuma di cose buone, il Parmigiano Reggiano fa parte della propria famiglia, dei ricordi, delle proprie radici.

Ed è per questo che in Montanari e Gruzza credono fermamente in un modello culturale di produzione sostenibile e rispettoso di tutti i componenti della filiera dedicata che nasce dalla terra e investono su razze di bovini da latte tipiche come la Vacca Rossa Reggiana e la Vacca Bruna Alpina.

Ricerca, ambiente, località, territorio. E felicità.

Share